IN RICORDO DI CHIPO...

Mondhoro Zimbabwe, 14 Agosto 2013

torna a Nel Mondo...


Chipo, un nome che in queste ultime settimane era ripetuto con ansia e affetto,
col desiderio che la piccola avesse aperto gli occhi e sorriso a tutti,
al mondo e alla vita.
Una novena di preghiere per chiedere l’intercessione della B. Elisabetta Renzi,
ha fatto sperare nel miracolo per poi poter guardare
a queste due settimane passate da poco come ad un incubo ormai lontano.
Ma non è stato così e Chipo, il 14 agosto 2013, verso le nove del mattino,
ha preso il volo per il cielo.
chipo Chipo cresce
Dopo poco più di sette mesi di vita,
Chipo aveva conquistato molti
e ha lasciato un vuoto che si riempie solo al pensiero
di avere un angioletto che da lassù ci guarda e ora sorride per sempre.
chipo
Chipo col berrettino rosa
insieme a Patient
una delle gemelle

Era stata portata all’orfanotrofio di Mhondoro, ZW,
dopo poche settimane di vita. Scoperta in un bagno pubblico,
dove la madre l’aveva abbandonata, dentro un sacchetto di plastica,
ancora attaccata alla placenta, era stata portata dalla polizia all’ospedale
della missione S. Michele, e dopo una settimana, visto che stava bene, era stata affidata al Mariele.

Un piccolo dono arrivato poco dopo il Natale,
senza nessuna identità, ma con tanta voglia di vivere e crescere
e allora Dono=Chipo in lingua Shona, è diventato il suo nome e da subito ha conquistato tutti.”

chipo Chipo e Sr Magdalena

Pochi mesi di vita serena, duranti i quali Chipo è cresciuta,
sana, piena di vita, attenta a tutto quello che succedeva attorno a lei,
amata e coccolata da tutti: suore, lavoratori, gli altri bimbi dell’orfanotrofio
e anche da lontano, dai tanti benefattori e da chi l’aveva adottata per darle un futuro,
una possibilità di vita “normale”.

Poi la malattia, breve, forse una infezione intestinale
che le ha causato una grave disidratazione e il coma,
che la corsa a tre ospedali diversi non ha potuto aiutare.

chipo Chipo con Sr Augusta

Questa piccola, che era stata lasciata sola,
al suo ingresso nel mondo, ha avuto tanti che le hanno voluto bene,
che l’hanno accolta e che ora con grande tristezza hanno dovuto lasciarla partire.
Tuttavia grati per questo “Dono”, del quale cerchiamo ancora di capirne il valore,
ringraziamo il Signore della vita che l’ha voluta presto con sé.

A Lui rivolgiamo la nostra preghiera perché veda nel sorriso di Chipo
un’intercessione per tutti noi che le abbiamo voluto bene,
ma soprattutto per Sr Magdalena, Sr Luisa, Sr Antonietta
e tutti i bimbi del Mariele che le sono stati fratelli e sorelle.

Che la benedizione e il sorriso di Dio e della Vergine Maria
sia sempre sopra di loro e li protegga.