Congregazione Maestre Pie dell'Addolorata

Servizio Civile

         
Home > Servizio Civile
   
               
               
   

 

 

 

 

 

 

 




   

(l'Istituto Maestre Pie dell'Addolorata è ente accreditato di classe 4 iscritto all'albo di Servizio Civile Nazionale)

 

Dopo l’approvazione della legge n. 64 del 2001 è possibile prestare servizio civile in modo volontario, a prescindere dall’obbligo di leva.

Dal 2005, a seguito della sospensione della leva obbligatoria, tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e non superato il ventottesimo (27 anni e 364 giorni), possono fare questa esperienza. Ma che cosa è il servizio civile volontario? Perché dunque svolgere servizio civile?

Dicono del s.c.: “mi ha fatto intravedere l’ambito in cui mi piacerebbe lavorare; un pezzo di strada  percorso con tante persone, che mi ha permesso di crescere” (Silvia), “impegnarsi per gli altri è esaltante: in realtà ricevi più di quanto puoi dare” (Carlo), “ho imparato a guardare la vita con occhi diversi, ad apprezzare anche le piccole cose” (Elena).

 

Dove? Come? Quando? Quali opportunità? Quali prospettive?

 

 

 

L'Ufficio Nazionale Servizio Civile ogni anno emana periodicamente dei bandi (uno ordinario e quattro straordinari) con i progetti di SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO.

 

 

 

I PROGETTI, in Italia o all'estero, sono presentati da amministrazioni statali, enti locali, organizzazioni no-profit e prevedono attività nei seguenti settori: assistenza, prevenzione, cura e riabilitazione, reinserimento sociale, educazione, promozione culturale, protezione civile, cooperazione allo sviluppo, formazione in materia di commercio estero, difesa ecologica, salvaguardia e fruizione del patrimonio artistico e ambientale, tutela ed incremento del patrimonio forestale.

 

 

I REQUISITI PER I GIOVANI: tutti i cittadini italiani, muniti di idoneità fisica rispetto al progetto d’impiego, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e non superato il ventottesimo alla data di scadenza del bando, possono presentare domanda per partecipare alle selezioni di giovani da impiegare in progetti di servizio civile. A seguito della sospensione della leva obbligatoria, dal primo gennaio 2005, potranno presentare domanda anche coloro che hanno assolto l’obbligo di leva, nella forma del servizio armato o del servizio civile, purché in possesso dei requisiti richiesti nei relativi bandi.

 

I BANDI: vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale - Serie Concorsi, sul sito www.serviziocivile.it, sui siti degli enti interessati e pubblicizzati tramite i principali mass media.

 

 

IL SERVIZIO: ha una durata di 12 mesi. L'orario, stabilito dall'ente, è distribuito su 5 o 6 giorni per un minimo di 30 ore settimanali di servizio, oppure per un monte ore annuo minimo di millequattrocento ore (in questo caso i giovani dovranno essere impiegati in modo continuativo per almeno dodici ore alla settimana). Tutti i progetti garantiscono la formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani prevista dall' art.1 della legge 64/2001, attraverso una attività formativa generale della durata minima di 30 ore.

Ai giovani spetta un assegno per il servizio civile di € 433,80 mensili, corrisposto dall'Ufficio Nazionale mediante accreditamento su libretto postale nominativo. Per i giovani che partecipano ai progetti all'estero, le somme dovute possono essere corrisposte anche su conto corrente bancario.

Alcuni progetti prevedono la fornitura di vitto e alloggio o del solo vitto. Nell'arco dei 12 mesi di servizio il giovane può usufruire di 20 giorni di permesso e di 15 giorni di malattia (comprovata da relativa certificazione medica). I giovani sono coperti da assicurazione per i rischi connessi alle attività svolte nell'ambito del progetto. Il periodo di servizio civile è riconosciuto valido, a tutti gli effetti, per l'inquadramento economico e per la determinazione dell'anzianità lavorativa ai fini del trattamento previdenziale del settore pubblico e privato, nei limiti e con le modalità con le quali la legislazione vigente riconosce il servizio militare obbligatorio con onere, a carico del Fondo nazionale per il servizio civile.

Alcuni progetti prevedono il riconoscimento da parte delle Università di crediti formativi per l'attività prestata nel corso del servizio.

Al termine dei dodici mesi di servizio viene rilasciato un attestato di espletamento del servizio civile volontario.

 

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Legge 6 marzo 2001, n.64 e successive modifiche ed integrazioni - Decreto Legislativo 5 aprile 2002, n.77 e successive modifiche ed integrazioni – Legge regionale 20 ottobre 2003, n. 20

 

 mani

 

HANNO DETTO DEL SERVIZIO CIVILE:

8-3-2003 Discorso del Santo Padre, Giovanni Paolo II, all'udienza con il servizio civile (…) Fra di voi ci sono alcuni che, per convinzione personale profonda, hanno scelto di svolgere questo servizio in luogo di quello militare. Altri, ragazzi e ragazze, beneficiando delle nuove normative concernenti il servizio civile nazionale, hanno deciso di consacrare alcuni anni della loro gioventù alla nobile causa del bene comune, per costruire una società imperniata sui valori umani e spirituali, diffondendo la cultura dell'accoglienza e della solidarietà. (…)L'apertura del servizio civile alle donne e il passaggio ad un servizio militare libero hanno moltiplicato le opportunità d'impiego di volontari in Italia e in altri Paesi, specialmente del Terzo Mondo. Penso, tra l'altro, al progetto di istituire corpi civili di pace in ambito europeo e mondiale con modalità di formazione e di crescita più incisive. Si potrebbe dire che il servizio civile costituisce, nell'attuale momento storico, un "segno dei tempi". (…) i Vescovi hanno voluto ribadirne alcune importanti coordinate, quali la formazione della persona, la scelta preferenziale per i poveri e gli emarginati, la diversificazione delle proposte secondo gli interessi e le attese dei giovani, il rilancio del servizio civile quale contributo al bene comune, l'attenzione alle situazioni locali e a quelle dei Paesi emergenti o segnati dalla guerra. (…) In questo contesto, mi piace quest'oggi, giorno dedicato alla donna, ricordare il contributo che proprio tante donne, attraverso il servizio civile nazionale, hanno dato e continuano ad offrire al consolidarsi delle comunità civili ed ecclesiali. Vorrei, infine, ricordare ciò che il beato Giovanni XXIII scriveva esattamente quaranta anni or sono nell'Enciclica Pacem in terris. "A tutti gli uomini di buona volontà - egli notava - spetta un compito immenso: il compito di ricomporre i rapporti della convivenza nella verità, nella giustizia, nell'amore, nella libertà" (n. 87). Cari amici del servizio civile, siate ogni giorno più convinti del valore della vostra missione.

 

 

1-6-2003 Presidente Ciampi in occasione della Festa Nazionale della Repubblica
(…)Al tempo stesso affinché l'Europa abbia successo, dovremo sviluppare una pubblica opinione europea che nasca, appunto, da esperienze vissute insieme.
Ad esempio, perché non pensare ad un sistema di servizio civile integrato tra i Paesi dell'Unione, che consenta ai giovani di servire la "res publica" nelle diversificate realtà degli Stati Europei? Si possono ipotizzare altre iniziative: l'importante è suscitare una consuetudine di vita comune tra i popoli e tra i cittadini.

 

 

31-12-2002 Messaggio di Fine Anno del Presidente Ciampi agli Italiani
(…) è a voi giovani che (…) intendo rivolgermi direttamente. Vi sento di fronte a me. Vi vedo con i vostri sguardi luminosi, pieni di entusiasmo, di desiderio della vita, che mi danno forza, quando vi incontro nelle città d'Italia o al Quirinale, e che al tempo stesso chiedono di essere rassicurati sul futuro. Ho molte cose che vorrei dirvi.
Perseguite, con passione e con tenacia, le vostre ambizioni, i vostri ideali. Abbiate fiducia nella vita. Abbiate sempre, come punto di riferimento ultimo, la vostra coscienza. Vivete la comunità nelle sue varie forme: dalla più vicina, la vostra famiglia, all'intero mondo. Utilizzate le occasioni che la società stessa vi offre: dal servizio volontario, militare o civile, alle molteplici iniziative del volontariato.
Dialogo, confronto, impegno concreto sono i modi attraverso i quali esprimere il vostro anelito di vivere la società. Questa società, per molti aspetti, può anche non piacervi. Ma vivendo nella società, affrontandone i problemi, operando, vi accorgerete che la state modificando. Vi ascoltiamo con attenzione, anche quando protestate. Ma è più facile ascoltare la vostra protesta quando essa si esprime con il ragionamento. A chi usa la violenza, nessuno dà ascolto. Abbiate fiducia in voi stessi. Ciò significa anche non avere timore di formare una vostra famiglia. Non negatevi quanto di più bello può darvi la vita.


 

PERCHE' FARE L'ESPERIENZA DI SERVIZIO CIVILE?

  • per sviluppare un percorso formativo e l’acquisizione di competenze

  • per cercare un’occasione in cui dare il meglio di te

  • per fare un’esperienza insieme ad altre persone

  • per reagire all’indifferenza e impegnarti con altri giovani

  • per incontrare ed aiutare concretamente persone che necessitano anche della tua solidarietà

  • per vivere da protagonisti azioni di difesa dell’ambiente o di tutela dei beni artistici

  • per sviluppare le capacità relazionali

  • per realizzare un impegno sociale improntato alla solidarietà, alla tolleranza, alla non violenza, alla pace, al rispetto dei diritti umani

  • per un’esperienza di crescita di autonomia

  • per un arricchimento culturale, anche nella prospettiva futura di lavoro

  • per soddisfare il bisogno di conoscenza e di vivere determinate esperienza

  • per crearmi ulteriori possibilità formative e lavorative

  • per svolgere un’esperienza diversa e che mi incuriosiva

  • per prendermi una pausa negli studi dopo la maturità e fare un’esperienza utile anche agli altri e per il mio futuro

  • per verificare sul campo  le mie capacità rispetto al settore in cui svolgo servizio civile

  • per apprendere conoscenze nel campo dell’educazione ambientale

 

PER INFORMAZIONI: serviziocivile@mpda.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna su

      
Informazioni
Privacy
 © Congregazione Maestre Pie dell'Addolorata - Tutti i diritti Riservati

Cerca in questo sito